La Nostra Festa

mimosa.png

Donne, oggi è la nostra festa. La Festa della Donna, 8 marzo 2019.
Ogni anno che passa, ogni giorno che scorre, ogni attimo che vivo sulla Terra mi rendo conto che molte, troppe, donne sono disconnesse e hanno paura. Paura della loro bellezza, della loro essenza, del loro essere e la paura copre la consapevolezza, la riveste di finta felicità mista a vuoto falso benestare, mescolandola con un tocco di vittimismo e di infelicità interiore.

Quante donne sono felici della propria vita?
Io si. Posso alzarmi in piedi, gridarlo, appieno della mia consapevolezza, frutto di un lungo percorso in me, di dolori e di crescita, di felicità e di gioia condite da attimi piangenti che giungono sfiorandomi come rami di un salice piangente, mi accarezzano e riportano a ciò che sono. Donna consapevole del mio essere Donna, figlia, madre e moglie, foglia e fiore di un albero genealogico che mi culla e mi ama, dandomi la vita.
Sono felice, sono consapevole, Sono. 

Scegliamo chi essere. Gli eventi ci formano, ci forgiano, ci trasformano. Sta a noi cogliere e trasformare, alchimiste della nostra stessa vita. 

Uscire dal vittimismo è il primo passo verso la consapevolezza. Noi donne possiamo, se vogliamo, cambiare noi stesse, per cambiare il mondo.
Vittima e carnefice sono due espressioni della stessa unità, divisa da un limite in-valicabile che può essere oltrepassato, con forza e consapevolezza. Perché la vera forza non è fisica, viene dal profondo delle viscere. E’ quella forza che emerge quando noi donne partoriamo, diamo la vita. E’ la stessa forza che scaturisce in noi durante la fase pre-mestruale che ci inonda come un tornado e ci sconvolge nell’essenza più profonda. E’ la forza che ci appartiene e hanno tentato, invano, di sottomettere nei secoli, la forza che grida per uscire dal nostro ventre e sentiamo, a volte senza ascoltare. Essa vive in noi, sopita, ma pur viva. 

A tutte le donne, vittime giorno dopo giorno, di violenze fisiche e psicologiche, ricoperte di finto amore, a tutte le donne scontente della propria vita, a tutte le donne infelici, dibattute in ruoli impressi a fuoco dalla società, a tutte le donne che si sentono mancanti di parti in loro stesse, a tutte le donne insicure, a tutte le donne, di ogni età, che si sentono brutte nella loro radiante bellezza, a tutte noi, DonneSorelle in cammino, auguro una consapevole Festa della Donna.  Per festeggiarci, ogni giorno della nostra vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...