Sono un’entusiasta!

happy2.jpeg

Che cos’è l’entusiasmo? Dal dizionario: ” Incontenibile spinta ad agire e operare dando tutto sé stesso, infatuazione, esaltazione. Presso gli antichi filosofi, era una condizione dello spirito, sotto l’urgenza esaltante dell’ispirazione divina.”

E tu sei un’entusiasta? O lasci che la vita scorra tranquilla? Ricordi quando da bambina ti entusiasmavi per un qualche cosa che ti piaceva, che ti dava gioia?  Ritrovare quella gioia, quella passione, quella meraviglia che provano i bambini con il cuore aperto è un cammino che molte persone intraprendono.

Più passione hai nella vita, più entusiasmo sentirai nel cuore. L’entusiasmo, la gioia, la passione sono contagiose! Attirano positività, persone positive, gioie nella vita.
E le difficoltà si affrontano con un differente punto di vista.

Buone meraviglie a tutti!

 

Respira

flowergirl

Respira. Come una bambina.
Inspira ed espira, a fondo. Senti l’aria che entra e ti nutre.
Respiro, fonte di Vita.  Eppure, quando siamo stressate, ci dimentichiamo immediatamente di come si respira a fondo. Il respiro viene interrotto, non scende, è bloccato da un muro interiore che impedisce il nutrimento di vita.

La consapevolezza, il primo passo. Quando ci accorgiamo che qualcosa ci blocca e ci impedisce di nutrire ogni nostro organo con il respiro puro,  portiamo l’attenzione al nutrimento, per sbloccare il punto dove il respiro si ferma. Spesso, il respiro si blocca nella parte alta del torace.
Calma, pazienza e costanza i passi successivi.

Ri-portare l’attenzione al nostro corpo, ai punti bloccati fa sì che possiamo guidare il respiro a discendere nel ventre, sempre più in basso, sempre più in profondità.

Respira, nutri il tuo ventre di donna, fonte di creazione, di trasformazione, di vita e di morte, aspetti della Grande Dea, del Sacro Femminile insiti in noi e sopiti nei ventri di noi donne moderne.

Respira, risveglia.

 

pensieri nell’aria del mattino: le piante

home
In questo periodo, sento sempre più forte l’esigenza di contornarmi di piante.
Esse creano atmosfera, incorniciano la mia anima, respirano, donando amore e colore.
Il pollice verde? Può essere un dono che si possiede o si può acquisire e io ne sono l’esempio. Un tempo, non avevo questo rapporto idilliaco con le piante nella casa.
Ero un disastro. Eppure ora, guardandomi intorno, vedo decine e decine di ogni specie di piante che si perpetuano negli anni.
La ricetta? Acqua quanto basta o, per meglio dire, né troppa né troppo poca. E amore. Si inizia da se stessi e si propaga all’intorno.

La Nostra Festa

mimosa.png

Donne, oggi è la nostra festa. La Festa della Donna, 8 marzo 2019.
Ogni anno che passa, ogni giorno che scorre, ogni attimo che vivo sulla Terra mi rendo conto che molte, troppe, donne sono disconnesse e hanno paura. Paura della loro bellezza, della loro essenza, del loro essere e la paura copre la consapevolezza, la riveste di finta felicità mista a vuoto falso benestare, mescolandola con un tocco di vittimismo e di infelicità interiore.

Quante donne sono felici della propria vita?
Io si. Posso alzarmi in piedi, gridarlo, appieno della mia consapevolezza, frutto di un lungo percorso in me, di dolori e di crescita, di felicità e di gioia condite da attimi piangenti che giungono sfiorandomi come rami di un salice piangente, mi accarezzano e riportano a ciò che sono. Donna consapevole del mio essere Donna, figlia, madre e moglie, foglia e fiore di un albero genealogico che mi culla e mi ama, dandomi la vita.
Sono felice, sono consapevole, Sono. 

Scegliamo chi essere. Gli eventi ci formano, ci forgiano, ci trasformano. Sta a noi cogliere e trasformare, alchimiste della nostra stessa vita. 

Continua a leggere