IL BLOG

Il blog di tenda della Luna Rossa vuole essere un portale di informazione, di condivisione, di scoperta di tutto ciò che ruota intorno al benessere, emotivo, emozionale e fisico.

Vuole essere un luogo dove ricercare, scoprire, provare quella parte femminile che è stata negata per troppo tempo. Quella parte che riguarda l’intuizione, la creatività, l’accoglienza proprie del Femminile.  Vuole essere un ri-contatto con tutto ciò che riguarda il Sacro Femminile: menarca, mestruazioni, gravidanza e menopausa. Perché tutto ciò ci appartiene e ognuno di questi momenti racchiude grandi tesori, come noi donne.

Cerchi di donne, laboratori esperenziali, condivisione e crescita. Insieme.

TENDA DELLA LUNA ROSSA: SIGNIFICATO E PROGETTO

La tenda della Luna Rossa è una tenda rossa, nata per riunire donne in cammino attraverso percorsi di consapevolezza verso la Divina Femminilità. Un luogo di condivisione, un luogo di crescita, un luogo ciclico, sacro e armonioso, per donne in cammino verso la riscoperta del proprio Femminile.

Il mondo non ha più confini e questo sito vuole essere un luogo di informazione e di riscoperta di noi stesse, del nostro Femminile, della propria essenza più sacra, sepolta da millenni di condizionamenti. E’ giunto il momento di riascoltarci, di riappropriarci del nostro  corpo, del proprio sangue mestruale, delle proprie sensazioni della menopausa.

donnagonnafiorirosa

La tenda della luna rossa si basa sul concetto delle capanne mestruali utilizzate anticamente: la tradizione di un rifugio mensile era presente nel passato e continua tuttora: i Nativi Americani usano definirla la Tenda della Luna.
Beverly Strassmann, dell’Università del Michigan, ha fatto un ampio studio sui Dogon del Mali, dove le donne che praticano la tradizionale religione Dogon trascorrono cinque giorni al mese in una “capanna mestruale”.

Il senso di queste tende, di queste capanne, di questi luoghi è quello di  recuperare il senso dell’antica sorellanza come reale valore tra le donne. Il movimento delle tende rosse è un progetto che si sta espandendo in tutto il mondo e prende vita da un libro, “la tenda rossa” di Anita Diamant. La scrittrice romanza le vicende di Dinah, figlia di Giacobbe, prendendo spunto da alcuni capitoli dell’Antico Testamento.
Una frase tratta dal suddetto romanzo racconta: “ Così la nascita di Dinah viene vissuta come una festa nella tenda rossa il luogo, precluso agli estranei, dove le donne si riuniscono nei momenti più importanti della vita”. Continua a leggere

cuore di madre

Festa della Mamma.
Vi sono diverse correnti di pensiero: chi la trova inutile, chi la trova offensiva per i bambini che mamme non hanno, chi la aspetta, chi  la ama.
In un tempo in cui la donna/madre è penalizzata pesantemente nell’ambito lavorativo, vittima di violenza domestica, costretta a dimostrare di essere perfetta in ogni aspetto della sua vita (moglie, amante, lavoratrice – meglio se in carriera, altrimenti penalizzata da chi carriera fa – casalinga perfetta e madre esemplare, un giorno di festa risulta, ovviamente, ridicolo e inappropriato.  Eppure, possono esserci diverse chiavi di lettura, senza obbligare nessuno a cambiare la propria visione del mondo.

mother

Io trovo sia un ricordo, per noi donne, dell’essere madre.
Siamo tutte madri e figlie, il senso di maternità vive dentro di noi, più o meno tangibile, più o meno esposto.
La madre è uno dei potenti aspetti del Femminile: la donna crea, dà la vita, e NON SOLAMENTE AI FIGLI. L’utero racchiude il mistero del sangue che crea, si trasforma, racchiude in sé un grande potere che porta la donna, connessa ai suoi misteri, ad accedere a dimensioni potenti e le porta doni profetici. Continua a leggere