IL BLOG

Il blog di tenda della Luna Rossa vuole essere un portale di informazione, di condivisione, di scoperta di tutto ciò che ruota intorno al benessere, emotivo, emozionale e fisico.

Vuole essere un luogo dove ricercare, scoprire, provare quella parte femminile che è stata negata per troppo tempo. Quella parte che riguarda l’intuizione, la creatività, l’accoglienza proprie del Femminile.  Vuole essere un ri-contatto con tutto ciò che riguarda il Sacro Femminile: menarca, mestruazioni, gravidanza e menopausa. Perché tutto ciò ci appartiene e ognuno di questi momenti racchiude grandi tesori, come noi donne.

Cerchi di donne, laboratori esperenziali, condivisione e crescita. Insieme.

TENDA DELLA LUNA ROSSA: SIGNIFICATO E PROGETTO

La tenda della Luna Rossa è una tenda rossa, nata per riunire donne in cammino attraverso percorsi di consapevolezza verso la Divina Femminilità. Un luogo di condivisione, un luogo di crescita, un luogo ciclico, sacro e armonioso, per donne in cammino verso la riscoperta del proprio Femminile.

Il mondo non ha più confini e questo sito vuole essere un luogo di informazione e di riscoperta di noi stesse, del nostro Femminile, della propria essenza più sacra, sepolta da millenni di condizionamenti. E’ giunto il momento di riascoltarci, di riappropriarci del nostro  corpo, del proprio sangue mestruale, delle proprie sensazioni della menopausa.

donnagonnafiorirosa

La tenda della luna rossa si basa sul concetto delle capanne mestruali utilizzate anticamente: la tradizione di un rifugio mensile era presente nel passato e continua tuttora: i Nativi Americani usano definirla la Tenda della Luna.
Beverly Strassmann, dell’Università del Michigan, ha fatto un ampio studio sui Dogon del Mali, dove le donne che praticano la tradizionale religione Dogon trascorrono cinque giorni al mese in una “capanna mestruale”.

Il senso di queste tende, di queste capanne, di questi luoghi è quello di  recuperare il senso dell’antica sorellanza come reale valore tra le donne. Il movimento delle tende rosse è un progetto che si sta espandendo in tutto il mondo e prende vita da un libro, “la tenda rossa” di Anita Diamant. La scrittrice romanza le vicende di Dinah, figlia di Giacobbe, prendendo spunto da alcuni capitoli dell’Antico Testamento.
Una frase tratta dal suddetto romanzo racconta: “ Così la nascita di Dinah viene vissuta come una festa nella tenda rossa il luogo, precluso agli estranei, dove le donne si riuniscono nei momenti più importanti della vita”. Continua a leggere

corpo sacro

In origine.
Sacra era la materia, sacro il corpo e le sue funzioni, sacro l’atto sessuale, sacra la natura. Il sacro aveva una valenza materiale.
L’associazione tra vulva e ventre femminile con la nascita, la morte e la rigenerazione è uno dei temi principali dell’arte preistorica. Le grotte rappresentavano l’ingresso, la vulva, da cui si entrava nel corpo della dea.

corposacro-02
Oggi, con milioni di anni di condizionamenti, ci ritroviamo con l’anima totalmente martoriata e con una visione totalmente distorta del nostro corpo, delle sue funzioni, dei suoi cicli. 

Continua a leggere

il ruolo di madre, oggi

Nasciamo, cresciamo, ci formiamo in questa società. Siamo qui, ora, ognuna con il proprio bagaglio emozionale, con la propria famiglia, con i propri traumi, con il proprio coraggio, con la propria forza. Cogliamo gli insegnamenti che giungono, in primis, dalla famiglia, dalle istituzioni scolastiche, dagli esempi che scegliamo di seguire e, successivamente, ricerchiamo ciò che più ci corrisponde, ciò che vorremmo essere, ciò che vorremmo che sia. In una ricerca continua, per migliorare, per evolvere, per vivere serenamente questa vita, qui e ora.  

womancost.jpg

Continua a leggere

riflessi di Sole e di Luna, dentro di noi

Maschile e Femminile non sono due aggettivi riferiti rispettivamente all’uomo e alla donna, ma due energie presenti in noi, due qualità dell’essere, incarnate nei due emisferi che costituiscono il cervello. In questa semplice, lineare e comprensiva spiegazione di due concetti così semplici e pur così complessi, Zuleika Fusco ci guida nella comprensione di ciò che di noi fa parte e, al medesimo tempo, ci pare così alieno, estraneo. L’equilibrio antico si è rotto, da secoli e la nostra parte Femminile è in profonda sofferenza. Spesso, non ce ne rendiamo nemmeno conto fino al momento in cui il mal stare diventa tangibile a livello fisico.

donnamorendo.jpeg

Continua a leggere

noi, in cammino

Ogni passo nel cammino della vita ci porta attraverso i sentieri dell’anima. 
Al principio, camminiamo guidati, accompagnati, fino al momento in cui prendiamo soli la nostra direzione. Quante strade errate, quanti cammini percorsi a vuoto, continuando tuttavia ad andare avanti, audaci, coraggiosi, spaventati, spavaldi, guidati dalla nostra forza guerriera che ci guida, guerrieri e condottiere senza alcuna remora, avanti diritti.

guerriera

Continua a leggere

il vaso magico

Sento, purtroppo sempre più spesso, donne completamente scollegate con il loro corpo, con la loro sacralità. Il malessere e il mal stare prendono forma e si diramano essenzialmente in due filoni principali: il desiderio e l’uso della chirurgia plastica per riformare il nostro corpo secondo canoni estetici innaturali e di visione maschile e pesanti malattie che, sempre più spesso, colpiscono la quintessenza del femminile, ovvero l’utero.

uterusart

L’utero, di cui, spesso non conosciamo nemmeno la conformazione. Guardare il nostro corpo, scoprire come siamo fatte nel nostro interno, in quel miracolo composto di organi, di muscoli, di tessuti, di cellule.

Il cambiamento deve iniziare essenzialmente da noi stesse. Continua a leggere

l’apparato genitale femminile

I sintomi che il nostro corpo ci invia rappresenta dei messaggi importanti collegati alla nostra salute psicofisica. Essi, semplicemente, ci mostrano la via di guarigione: si  tratta di accettarli ed elaborarli.  

L’aspetto femminile è complementare all’aspetto maschile, proprio come la mano destra e la mano sinistra sono fra loro complementari: forse che possiamo applaudire con una mano sola? La creazione viene dall’unione. Per questo, consciamente o inconsciamente, ci sentiamo attratti verso l’altro aspetto di noi stessi, ed è grazie al riunirsi dei due complementi che può compiersi quella fusione che è la creazione.

uterus6

Continua a leggere